VINITALY 2019: OLTREPO PAVESE IN GRANDE EVIDENZA

Facebooktwittermail

Ha preso il via la 53° edizione di Vinitaly a Verona e fra i Padiglioni più visitati si è subito segnalato quello della Lombardia, dove i visitatori possono entrare in contatto con oltre 200 espositori, 2000 etichette e qualità al top, tra aziende e consorzi: 8.500 metri quadrati, di cui circa 4.000 allestiti, uno stand finanziato e realizzato in Accordo di programma da Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, dove l’Oltrepo Pavese gioca un ruolo di primo piano. Noi abbiamo visitato lo stand Giorgi, con il rilancio di Testarossa, lo stand Torti, con la collezione di bottiglie “Hello Kitty”, lo stand Finigeto, le cantine Giorgi con la collezione di vini firmati da Gerry Scotti, cantine Torrevilla e tante altre aziende agricole dell’Oltrepo Pavese, sempre numerose e che approfittano dell’ottima vetrina per mettere in luce le loro eccellenze.
L’assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi ha ricordato che “Regione Lombardia produce il 90% dei vini con denominazione di qualità. I produttori lombardi sono da sempre impegnati a produrre un prodotto che abbia al centro la distintività, ma è bene insistere su questa via per ottenere così un articolo sempre più apprezzato e riconosciuto per il suo valore. Ne viene la necessità di investire sulla qualità che è anche e soprattutto sostenibilità, come anche sulla produzione biologica sempre più ricercata dai consumatori. Dobbiamo e possiamo puntare a posizionare i vini lombardi su una gamma medio – alta di mercato per avere le necessarie marginalità che permettono gli investimenti”.