TORNA IL FESTIVAL DEI CORI DI PORANA

Facebooktwittermail

Domenica 24 Novembre dalle 15 in Auditorium a Lungavilla

Non c’è Autunno senza Festival dei cori di Porana: ormai è un appuntamento fisso per tanti gruppi, che si susseguono di anno in anno, presso l’Auditorium di Lungavilla, dove Domenica 24 Novembre, a partire dalle ore 15, andrà in scena la ventunesima edizione. Vi prenderanno parte il coro Armonia di Casorate Primo, il gruppo “Effetto Portico” di Rocca Susella e gli “Human Tracks”, una vocal band delle 4 Province, al confine tra Pavese, Emilia, Piemonte e Liguria.

Il coro “Armonia” di Casorate Primo è nato nel 1995 ed è composto da circa trenta elementi. E’ un coro misto a 2, 3 e 4 voci: spazia da brani polifonici sacri e profani, alla musica popolare, a gospel e spiritual, fino a musiche dei Beatles eseguite a cappella e a brani tratti da celebri colonne sonore dei film.

Gli “Effetto Portico” , invece, propongono un repertorio di musica folk revival della zona Oltrepadana Pavese e, anche più in generale, del nord Italia. Si va dalle canzoni delle mondine ai canti delle quattro province, dai brani della resistenza fino ai canti da osteria. Attualmente il gruppo è composto da 5 persone: 3 voci + alcuni strumenti musicali, come  mandolino, chitarra, contrabbasso flauto, armoniche a bocca.

Gli “Human Tracks”, invece, sono una vocal band con repertorio che va dalla musica classica alle colonne sonore, dal pop al rock, dal gospel al carol. La formazione è nata nel 2009 con un altro nome e si è via via evoluta fino alla formazione attuale, composta da musicisti e cantanti di diverse estrazioni, ma che si divertono molto a cantare a cappella. E’ una formazione eterogenea che va dai 17 anni di Micol Caccialupi ai 57 del componente più grande.

Ventuno anni di Festival dei cori: per Associazione Porana Eventi, tra tutte le manifestazioni organizzate sul territorio oltrepadano durante l’anno, è sicuramente la più longeva, alla quale è legato ormai un marchio indelebile, quello della festa della musica. Sì, perché qui non si fa a gara per arrivare primi, anche se c’è una commissione artistica di tutto rispetto, capitanata da Don Matteo Zambuto, sacerdote e cantautore pavese. “Qui l’obiettivo è ritrovarsi per un pomeriggio di passioni, tradizioni ed emozioni in note” raccontano gli organizzatori. Anche se poi i riconoscimenti ci sono: anche quest’anno, per esempio, è previsto un premio della critica, un premio della giuria popolare, formata dal pubblico in base agli applausi in sala, e un premio concerto al coro che verrà ritenuto il più meritevole e che avrà la possibilità di prendere parte ai concerti organizzati dalla stessa Associazione in altri periodi dell’anno, in occasione del Festival Borghi&Valli e di altre iniziative sul territorio. “Il canto corale – spiegano ancora gli organizzatori – è ogni anno occasione di gioia, scambio, solidarietà e amicizia. Ci sono tanti cori che hanno stretto collaborazioni nell’arco degli anni, dando vita a serate nei loro territori e scambiandosi reciprocamente spartiti e brani musicali. Ecco perché noi vogliamo incoraggiare l’incontro di culture musicali lontane tra loro, e lo facciamo in ricordo di un sacerdote che ha voluto rilanciare il nostro coro, Don Sandro Magnani, scomparso nel 1997, malato di sclerosi multipla”. Per festeggiare poi il Natale, Porana Eventi richiama i cori delle varie edizioni del festival a S. Stefano, il 26 Dicembre, per cantare le più belle melodie natalizie, secondo differenti stili e generi. Informazioni ed iscrizioni al 389.2566296 oppure info@porana.it