INFLUENZA: PIU’ CASI E MENO VACCINAZIONI

Facebooktwittermail

Il sistema di sorveglianza InfluNet ha aggiornato i suoi dati al 31 dicembre 2014. Nella cinquantaduesima settimana del 2014 (l’ultima dell’anno) i casi stimati di sindrome influenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono circa 148.000, per un totale di circa 787.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza InfluNet (circa a metà ottobre). Nello stesso periodo della scorsa stagione i casi stimati erano stati invece 691mila (- 12%).

E proprio nell’ultima settimana dell’anno è stato superato il valore soglia di 2,36 casi per mille assistiti che determina l’inizio del periodo epidemico delle sindromi influenzali. L’incidenza totale è pari a 2,43 casi per mille assistiti e la fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a circa 8,43 casi per mille assistiti. Siamo comunque ancora lontani dal picco stagionale quando in genere si raggiungono valori medi di incidenza attorno al 10 per mille.In alcune regioni l’aumento dell’incidenza totale è alimentato soprattutto dal crescente numero di casi osservato nella classe di età pediatrica sotto i cinque anni di età. Ma InfluNet sottolinea anche che l’incidenza ridotta osservata in alcune regioni è fortemente influenzata dal ristretto numero di medici e pediatri che hanno inviato, al momento, i loro dati.

Dott.ssa Paola Casarini – Farmacia Lugano Voghera