FEDELTA’ ALLA FARMACIA FA BENE ALLA SALUTE

Facebooktwittermail

La fedeltà alla farmacia fa bene alla salute dei malati cronici. Chi non cambia farmacista, infatti, tende ad utilizzare meglio i medicinali migliorando l’efficacia delle cure, secondo uno studio canadese realizzato dalla facoltà di Farmacia dell’università Laval e basato sull’analisi dei dati – provenienti dal sistema di assicurazione malattia del Quebec – di 124 mila diabetici.
Il 60% di questi pazienti si riforniva dei farmaci necessari in una sola farmacia. Dalla valutazione dei dati è emerso che questa fedeltà presentava vantaggi rispetto alle persone che cambiavano più spesso. In particolare, i “fedeli” mantengono più facilmente la cura a un anno dall’inizio del trattamento (+13%), hanno una maggiore capacità (+22%) di prendere i farmaci regolarmente nel corso dell’anno e mostrano maggiore propensione a utilizzare un cardioprotettore(+20% nel gruppo over 50) quando raccomandato nella presa in carico della malattia.
Altri studi, inoltre, hanno confermato l’utilità di un unico punto di riferimento anche nelle persone schizofreniche che utilizzano antipsicotici. «I nostri risultati» spiega uno dei ricercatori, Richi Dossa «suggeriscono che la fedeltà permette ai farmacisti di ottimizzare l’utilizzo dei medicinali prescritti, poiché dispongono di informazioni più complete».