ESPLOSIONE CASCINA ALESSANDRINO: RINVENUTI TIMER E BOMBOLA INESPLOSA. TRE VIGILI DEL FUOCO MORTI

Facebooktwittermail

Le parole del Procuratore Capo della Repubblica di Alessandria Enrico Cieri non lasciano spazio a dubbi: “Abbiamo rinvenuto un timer e una bombola inesplosa”. E così, a causa di questo gesto insano e senza attenuanti, tre vigili del fuoco hanno perso la vita nella notte del 5 Novembre a causa dell’esplosione di una cascina a Quargnento, nell’alessandrino. Matteo Gastaldo aveva 46 anni, Marco Triches 38 e Antonio Candido 32. Altri due pompieri sono rimasti feriti, insieme ad un carabiniere: sono ricoverati in ospedale ma non sono in pericolo di vita. Il crollo del cascinale li ha travolti tutti mentre si trovavano all’interno della struttura, nel tentativo di spegnimento delle fiamme. Con loro c’erano anche tanti abitanti del posto, accorsi per dare man forte ai soccorritori. Tanti i messaggi di cordoglio che stanno arrivando in queste ore al Corpo dei vigili del fuoco, tanta anche l’indignazione sui social per queste vite messe a rischio ogni giorno per stipendi davvero “alla fame” e spesso utilizzando mezzi e attrezzature obsolete. “Un lavoro pericoloso, unito ad un grande spirito di sacrificio, l’impegno per la sicurezza dei cittadini” ha dichiarato il vice ministro dell’interno Matteo Mauri. Vero, ma ci aspetteremo qualcosa di più concreto dal mondo politico che non le solite frasi di circostanza. Il corpo dei Vigili del Fuoco va valorizzato anche con risorse concrete. incendio alessandrino