CENTINAIO, DA PAVIA AL SENATO E ORA MINISTRO

CentinaioLa provincia di Pavia torna ad essere rappresentata da un ministro. E non è un ministero qualunque, essendo il territorio a forte vocazione agricola. Il nuovo ministro per le politiche agricole è proprio lui: Gian Marco Centinaio è nato a Pavia il 31 ottobre 1971, è l’uomo-Senato di Matteo Salvini, ancor prima che lo stesso leader della Lega venisse eletto, il 4 marzo scorso, a palazzo Madama. Capogruppo leghista nella scorsa legislatura (come nell’attuale) dopo l’elezione di Massimo Bitonci a sindaco di Padova, Centinaio, che ha un passato professionale da manager nel settore dei tour operator, ha iniziato la carriera politica dal basso. Le deleghe non sarebbero ancora definitive e nel primo Consiglio dei ministri arriverà per lui anche l’ufficialità dello spostamento delle deleghe del turismo al Ministero per le Politiche Agricole. Dunque due settori che Centinaio conosce bene, verrebbe da dire la persona giusta al posto giusto.

Laureato in Scienze politiche nel 1999 all’Università di Pavia, ha iniziato nell’ambito del comitato di quartiere, poi è stato semplice consigliere comunale fino ad arrivare alla carica di vice sindaco di Pavia. Nel 2014 è Salvini in persona a volerlo a capo del gruppo del Carroccio per condurre l’opposizione ai governi Letta, Renzi e Gentiloni.

Risulta primo firmatario, tra l’altro, dei ddl sulla legittima difesa e sull’inasprimento delle pene per i furti nelle abitazioni, e altri ddl legati alla valorizzazione delle radici cristiane, per la disciplina degli edifici destinati al culto islamico, oltre a proposte in tema di valorizzazione dell’attività sportiva, del turismo e della prevenzione di alcune malattie.