A VARZI IL PREMIO PINA CARMIRELLI

Facebooktwittermail

Carmirelli-Locandina-2018Sabato 8 settembre alle ore 21 a Varzi, presso la Pieve Romanica dei Cappuccini,  va in scena la XII Edizione del Premio “Pina Carmirelli”.

Il “Premio Pina Carmirelli”, nato nel 2007, è stato creato con l’obiettivo di promuovere l’immagine di Varzi, mettendo in risalto i prestigiosi risultati che i varzesi hanno conseguito nella cultura e nell’arte.

Giuseppina Carmirelli, detta Pina, nasce a Varzi il 23 gennaio 1914, studia violino e composizione al conservatorio “G. Verdi” di Milano  dove si diploma in violino con il massimo dei voti nel 1930, a soli 16 anni, e nel 1935 in composizione.

Nel 1941 ottiene la cattedra di Violino al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma e nel 1962

viene ordinata titolare della Cattedra di perfezionamento di violino all’Accademia Santa Cecilia.

Ha svolto una brillante carriera concertistica, sia come solista come iniziatrice di complessi da

camera delle quali è stata anche cofondatrice, tra cui, nel 1949 del “Quintetto Boccherini”,

con cui ha portato alla luce i capolavori cameristici del geniale musicista lucchese, nel 1954

del “Quartetto Carmirelli”, nel 1979 del “Quintetto Fauré”.

Nel 1977 è stata primo violino de “I Musici”; celebre l’interpretazione delle Quattro Stagioni di Vivaldi a cura dei Musici nel 1982 con la solista Pina Carmirelli.

 

Il programma della serata prevede il concerto e la premiazione di Suleika Fiumi, miglior diplomata delle classi di violino dell’anno accademico 2017-2018, come riconoscimento del brillante risultato conseguito al termine del corso di studio di violino presso il Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano, dove si è diplomata con il massimo dei voti e lode.
L’evento è promosso e organizzato dal Comune di Varzi, dall’Associazione Culturale Artemusica, dall’Associazione Culturale VarziViva, con la collaborazione del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.

Per info: comune di Varzi – Tel. 0383/53532; varziviva@gmail.com e associazioneartemusica@yahoo.it.

 

L’ingresso è libero.