I VIDEO DI CASTEGGIO INFANGATA DOPO IL NUBIFRAGIO

Facebooktwittermail

Il maltempo ha concesso una tregua: a Casteggio, come in altre località dell’Oltrepo collinare e non solo (tutta la zona da Retorbido a Salice Terme e Rivanazzano Terme lamenta pesanti danni),  sono ancora al lavoro gli uomini della Protezione Civile, della Croce Rossa e del Comune, dopo la giornata e la notte da incubo, che per molti ha significato auto e cantine invase da acqua e fango. Ancora chiuso il sottopasso della tangenziale tra Casteggio e Voghera all’altezza dell’Iper Montebello per allagamento, come pure il sottopasso di via Lamarmora a Voghera.

Ecco in questi video “il giorno dopo”: un Lunedì 21 Ottobre che in molti ricorderanno a lungo. Sui social infuria la polemica da parte dei cittadini, che si sentono abbandonati dalle istituzioni. E’ vero, la mancata pulizia in molte zone del bacino idrografico, dei fossi e del sistema fognario è sicuramente una buona parte della colpa. Ma non si può non tenere conto degli accumuli di acqua delle ultime 24/36 ore, a partire da Domenica sera: in Oltrepò, spiegano gli esperti di Meteo Oltrepo Pavese, è stata superata la media dell’intero mese di Ottobre. Addirittura peggio in alcune zone dell’Alessandrino e del Genovese, dove è praticamente caduta più della metà della pioggia media annuale di Voghera. Osservando la scansione radar, sottolineano Marcello Poggi e Gabriele Campagnoli, “da metà pomeriggio di Lunedì si è verificata una forte convergenza tra Tramontana e Scirocco, si è posizionata tra Alessandrino e Pavese ed è rimasta stazionaria per addirittura 10 ore, dando vita a nuovi temporali con ingenti accumuli di pioggia che hanno colpito zone già sature d’acqua. Dunque una situazione decisamente anomala: tipico sistema temporalesco autorigenerante, più usuale sulle coste e raramente da noi, praticamente un bis di quello che è successo 5 anni fa (alluvioni nelle medesime zone alessandrine).
In poche parole lo Scirocco, al posto di “fermarsi” in Liguria come quasi sempre accade, è riuscito a scavalcare l’Appennino e a riversarsi verso la Valpadana: qui si è innescato lo scontro con la Tramontana, e questa convergenza per molte ore non si è affievolita né si è mossa di un centimetro, quindi generando continuamente temporali sulle stesse zone”. Ecco dunque spiegato il motivo di questi disastri. Per ulteriori informazioni andate su Pronto Meteo sul sito agenziacreativamente.it.

Continuate ad informarci, ad inviarci foto e video del maltempo nella vostra zona scrivendoci a info@agenziacreativamente.it o paviauno@gmail.com. Forniamo una informazione chiara e tempestiva, di servizio, con la collaborazione di tutti, grazie a Itinerari / Agenzia CreativaMente e Pavia Uno TV, sempre attive, H24, su tutto il territorio pavese e nel fuoriporta.