I PROGETTI DELLA STRADA DEL VINO E DEI SAPORI DELL’OLTREPO PAVESE

facebooktwittergoogle_plusmail

L’Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepo Pavese ha presentato le attività del 2018 con un Assemblea Pubblica presso il Centro ERSAF di Riccagioia denominata “2018 Anno del Cibo Italiano e del Turismo Esperienziale. I progetti della “Strada” occasione per l’Oltrepò Pavese”. All’incontro erano presenti l’Assessore Regionale all’Agricoltura Gianni Fava, Franco Bosi – Presidente Camera di Commercio di Pavia, Stefano Denicolai – Professore Innovation Management Direttore della laurea MIBE Università di Pavia e Alberto Lupini – Direttore di Italia a Tavola. Roberto Lechiancole – Presidente della Strada del Vino e dei Sapori, ha presentato due nuove proposte: “Gli ottimi e lusinghieri risultati ottenuti nel 2016 e nel 2017 hanno permesso di individuare nella comunicazione e nella promozione le azioni importanti ed indispensabili affinchè il territorio si presenti oltre i confini provinciali. Per il 2018 proponiamo alle imprese ed enti pubblici due nuove iniziative: la prima è “Orgoglio Oltrepò” un percorso didattico culturale da svolgere all’interno delle scuole di primo e secondo grado, affinchè si possa seminare nelle giovani generazioni il seme dell’orgoglio territoriale come leva per lo sviluppo economico del territorio; i giovanissimi di oggi devono essere futuri adulti consapevoli delle potenzialità che l’Oltrepò Pavese a loro offre sia dal punto di vista sociale che imprenditoriale. L’altra linea progettuale – ha continuato il Presidente – è la creazione del “Marchio Oltrepò”, un marchio qualitativo, che attraverso un protocollo, possa essere attribuito a tutte quelle realtà imprenditoriali, non solo del comparto turistico ed agroalimentare, che così potranno utilizzare a garanzia dei servizi offerti. Per l’attuazione della parte progettuale legata al “Marchio Oltrepò” si sta cercando una collaborazione con l’Università di Pavia e alcune Fondazioni locali e regionali, cercando di coinvolgere anche i cittadini dell’Oltrepò Pavese con un’operazione di Civic Crowdfunding che esalta l’appartenenza al territorio, il forte senso sociale e lo spirito di comunità”.