DA PORANA L’AIUTO ALLE POPOLAZIONI TERREMOTATE

Facebooktwittermail

A Porana la festa patronale di S. Crispino si è trasformata in una giornata di raccolta fondi per la popolazione colpita dal terremoto in Centro Italia

E’ partita dal borgo di Porana e dai volontari di Associazione Porana Eventi una bella iniziativa che ha permesso di lanciare un ponte di solidarietà con i comuni del Centro Italia colpiti dal terremoto del 24 Agosto. “Siccome anche noi sino a quest’anno abbiamo fatto parte con Porana del Club dei Borghi più Belli d’Italia, ci è sembrato giusto dare il nostro piccolo contributo ai comuni di Amatrice, Accumoli e dintorni che, dopo il sisma del mese scorso, dovranno interamente ricostruire il loro borgo” – dichiarano i responsabili dell’Associazione -. “Per un anno abbiamo rinunciato alla tradizionale parata di bande che accompagnava la processione nel parco di Villa Meroni e al loro posto abbiamo ingaggiato due tamburi ad aprire la parata. Con il corrispettivo del costo della banda abbiamo preferito devolvere questi fondi alla Caritas diocesana, che poi attraverso la Caritas nazionale provvederà a devolvere tutte le offerte raccolte anche la Domenica in Chiesa alle popolazioni colpite dal terremoto”. Per il concerto successivo, organizzato nell’ambito del Festival Borghi&Valli, si è esibito un quartetto d’archi, l’Ensemble Pavese, composto da Maria Grazia, Luca e Guido Torciani, con Saverio Tacconi: sono state eseguite musiche di Mozart e Bach di fronte ad un numeroso pubblico, accorso anche per degustare la pasta amatriciana cucinata dalle volontarie di Porana Eventi, le torte casalinghe e i poranelli, i dolci tipici del borgo. Con l’occasione sono state anche premiate la torta più buona (rotolo di cioccolato di Anita Franzo) e più bella (crostata di Rita Ferri) e le poesie del concorso “Il Sabato del Villaggio”: per la sezione in lingua la poesia “Quello che non ti ho mai detto” di Marilena Forlino, poetessa di Casatisma e per la sezione in vernacolo “La grana ad ris” di Rosa Mazzoleni, poetessa pavese. Durante il pomeriggio di festa molti visitatori hanno potuto godere di un magnifico panorama dall’alto della torre campanaria e visitare il museo contadino allestito da Ivo Carrirolo con la collaborazione di Marina Gallucci ed Elisabetta Scovenna. I bimbi più piccoli invece hanno inaugurato i giochi gonfiabili acquistati dai volontari di Porana eventi e partecipato ai laboratori di Betty e Mary. Molto gradita è stata anche la sfilata di abiti africani curata da Byby Lucette con il mercatino allestito per aiutare la Maison de Bethanie in Togo. Tutte le informazioni sulle prossime feste di Porana eventi e le foto della festa patronale si trovano sul sito www.porana.it e sulla pagina facebook dedicata.